Tagliando auto: ogni quanto farlo – Il nostro consiglio

Il tagliando auto ogni quanto va fatto? Quando si compra un’auto, questa è una delle classiche domande, seguita da un’altra molto simile: il tagliando auto ogni quanti km è obbligatorio? Non esiste una risposta assoluta perché marche e modelli diversi seguono tempistiche e chilometraggi diversi.

Inoltre, non bisogna confondere questo controllo con la revisione obbligatoria prevista dalla Motorizzazione Civile. Il tagliando, infatti, è una pratica stabilita dalla casa automobilistica a seconda del tipo di veicolo che ha prodotto. Il fatto che non sia previsto come obbligo di legge, non significa però che il possessore dell’auto non sia tenuto a farlo. Anzi, è uno dei requisiti per mantenere la validità della garanzia. Vediamo ora ogni quanti km si fa il tagliando e dopo quanto tempo.

Ogni quanti chilometri si fa il tagliando

La frequenza del tagliando non è definita solo dal tempo trascorso dall’acquisto dell’auto. Piuttosto, ogni quanto si fa il tagliando dipende anche dal numero di chilometri percorsi. Questa è una piccola differenza rispetto alla revisione prevista dalla legge, che in genere stabilisce che la prima scadenza sia dopo 4 anni dall’immatricolazione, e successivamente diventano 2 anni. Per sapere ogni quanti km si fa il tagliando auto bisogna fare riferimento a quello che la casa costruttrice scrive nel libretto d’uso. Di solito, i chilometri sono compresi tra i 15.000 e i 30.000. Per i modelli più recenti, in alcuni casi, la soglia è ogni 35.000 km. È pur vero che, se non si raggiunge il chilometraggio minimo, viene indicato anche un limite di tempo.

Il tagliando macchina ogni quanto tempo va fatto

Proprio la combinazione di tempo trascorso e chilometri fatti, dovrebbe dare come risultato il momento in cui andare in officina. Questa è la migliore risposta alla domanda “il tagliando auto ogni quanto va fatto?”. Se un controllo effettuato, ad esempio, dopo appena 10.000 km è quasi inutile, farlo dopo troppo tempo rischierebbe di non garantire la sicurezza del mezzo. Il veicolo nel tempo tende comunque a usurarsi, a prescindere dai chilometri percorsi. Per questo motivo, le case automobilistiche ribadiscono sempre che il tagliando auto andrebbe fatto annualmente, oppure al massimo dopo 2 anni.

Il tagliando auto ogni quanto va fatto? Chiedere al proprio meccanico

È comunque possibile anticipare i controlli per ragioni di sicurezza. Se si è vicini alla data, oppure se si parte per un lungo viaggio, è buona regola mettere l’auto nelle mani di un’officina qualificata. Se poi l’auto dispone di un filtro antiparticolato, potrebbe essere necessario fare il cambio olio ben prima della scadenza. L’importante, ed è questo il vero scopo del tagliando, è mantenere l’auto in piena efficienza in qualunque condizione di guida. In questo caso, il proprio meccanico di fiducia è la persona più indicata per chiedere informazioni sul tagliando e ogni quanto tempo va fatto. A questo proposito, grazie al Regolamento 1400/2002 CE, è possibile scegliere liberamente dove portare la propria auto. Quello che conta è che il meccanico sia qualificato per svolgere l’incarico. La casa automobilistica, quindi, non può imporre di rivolgersi esclusivamente a uno dei concessionari ufficiali.

Infine vi consigliamo un app che ti permette di gestire il tagliando della tua auto oltre le tante altre funzioni disponibili.

veicoli

Veicoli – Gestione auto e moto

Scopri di più

 

 

fonte: www.autoscout24.it

Postato il 29 agosto

Compila i campi per ricevere maggiori informazioni e per rimanere aggiornato con le nostre promozioni

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.



Condividi